Anche in Calabria i manifesti fake del ministero della verità contro premier Conte

Il “Ministero delle Verità” colpisce ancora. Sono, infatti, comparsi anche in molte città calabresi i manifesti abusivi con la faccia del premier Giuseppe Conte accompagnata dallo logan “pensa come vuoi, ma pensa come noi” e con l’aggiunta: “Serve un lessico più consono, una neolingua mite, rispettosa. E’ un progetto politico di ampia portata”.
L’iniziativa è di questa sedicente organizzazione politica, che attacca i governanti rifacendosi agli slogan di ‘1984’ di Orwell. E citando la neolingua e, per l’appunto, il Ministero della Verità.
Nel romanzo di Orwell, il “Ministero della Verità” si occupa della propaganda politica: ha il compito di “produrre informazione” e influenzare la cultura e la vita delle persone, eliminando persino dal linguaggio le parole (e dunque i concetti) che non sono in linea col pensiero unico del Grande Fratello, forgiando la cosiddetta “neolingua”.
Nelle settimane scorse un’analoga iniziativa era stata effettuata in tutta Italia ma quella volta con il volto dell’ex presidente della Camera, Laura Boldrini.