mercoledì, 10 Agosto, 2022
HomeAttualitàAccolto il ricorso di Silvia Parente sulla ineleggibilità della Consigliera regionale di...

Accolto il ricorso di Silvia Parente sulla ineleggibilità della Consigliera regionale di Forza Italia Valeria Fedele

Catanzaro – La prima sezione civile del Tribunale di Catanzaro (presidente Rodolfo Palermo, giudice Alessia Pecoraro, relatore Elais Mellace) ha infatti accolto il ricorso presentato da Silvia Parente, candidata al Consiglio regionale della Calabria nelle liste di Forza Italia.

Il collegio giudicante ha dichiarato la sussistenza della condizione di ineleggibilità e, per effetto, la decadenza dell’attuale consigliere regionale di Forza Italia, Valeria Fedele. Nei giorni scorsi, un altro provvedimento era stato adottato dallo stesso Tribunale civile di Catanzaro pronunciandosi sul ricorso presentato dall’avvocato Antonello Talerico, primo dei non eletti nelle liste di Forza Italia nella circoscrizione centro.

Slide
Slide

In riferimento alla pronuncia del Tribunale Civile di Catanzaro in merito al ricorso presentato da Silvia Parente, l’avvocato Oreste Morcavallo, nell’interesse dell’on. Valeria Fedele, ribadisce che “l’ordinanza del tribunale non è condivisibile perché stravolge la norma di riferimento introducendo una causa di ineleggibilità non prevista da nessuna norma” preannunciando anche in questo caso immediato appello, ricorda che lo stesso “sospende l’esecutività dell’ordinanza per cui la decisione definitiva spetta alla Corte d’Appello, per il cui esito siamo pienamente fiduciosi”.

Dichiarazione del Consigliere Regionale Valeria Fedele:
“Ribadisco quanto già detto. La legge vigente non prevede causa di ineleggibilità sulla posizione che mi riguarda. Pertanto anche questo provvedimento sarà immediatamente impugnato dai miei legali, con i quali condivido la fiducia di vedere riconosciute le nostre ragioni”.

SEGUICI SUI SOCIAL

142,039FansLike
5,777FollowersFollow
387FollowersFollow

spot_img

ULTIME NOTIZIE