Università di Catanzaro: stabilizzati 60 lavoratori precari

Catanzaro – Un ultimo giorno dell’anno importante per tutta l’Università di Catanzaro: questa mattina, infatti, nell’Aula “Salvatore Blasco” dell’Edificio Giuridico-Economico del Campus universitario, sono stati sottoscritti da sessanta precari dell’Ateneo i contratti di lavoro a tempo indeterminato, a conclusione della procedura di stabilizzazione che era stata avviata proprio un anno fa dai Rettori Prof. Giovambattista De Sarro e Prof. Aldo Quattrone, così come previsto dal decreto legislativo n.75 del 2017.
“Un anno fa – ha dichiarato il rettore Giovambattista De Sarro – l’Ateneo aveva preso un impegno che oggi si realizza con la fatidica firma dei contratti a tempo indeterminato con due anni di anticipo rispetto al termine fissato dalla legge per la conclusione della procedura di stabilizzazione. Avevo ribadito in più occasioni – ha proseguito il Rettore De Sarro – che avrei fatto in modo che la stabilizzazione avvenisse per tutti i sessanta precari, nello stesso momento, proprio al fine di mantenere il clima di serena e pacifica convivenza e la coesione di tutto il nostro personale. E così è stato grazie al lavoro di tutti i rappresentanti del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione ed alla condivisione di questo percorso che oggi rappresenta un punto di arrivo sì, ma nella consapevolezza di essere lo sprone a proseguire, tutti insieme, nella prospettiva di dare un futuro solido a questo nostro Ateneo”.
Secondo De Sarro, “solo in questo modo si possono continuare a raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. Non posso che ringraziare, in questa occasione, tutti coloro che, in silenzio e professionalmente, hanno collaborato e il sostegno incondizionato ricevuto dagli Organi accademici dell’Ateneo che, nella soluzione prospettata per il superamento nell’immediato della problematica di questo precariato storico, ha saputo ritrovarsi nello spirito solidaristico di attenzione vera e sincera quale gesto concreto di riconoscimento all’impegno profuso in questi anni da questo nostro personale che ha dato, insieme a tutti gli altri, il proprio contributo alla crescita dell’Ateneo. Ci proiettiamo ora – ha detto il rettore – nel nuovo anno con propositi sempre più positivi, con l’auspicio di continuare a fare ancora bene, soprattutto guardando alle classifiche che, proprio in questi giorni, continuano a segnalare, a livello nazionale, il nostro Ateneo per la virtuosità nei conti. Tutto ciò ci consentirà di andare ben oltre il normale turn-over nelle assunzioni, importante per garantire la qualità dell’offerta formativa della nostra Università. Sono orgoglioso e felice – ha concluso De Sarro – nel vedere la nostra comunità accademica crescere: miglior augurio di buon anno non poteva esserci di fronte alle sfide che ci attendono”.