Udienza al Tar Lazio su scioglimento consiglio Lamezia. Fra 20 giorni la decisione

Roma – La prima sezione del Tar del Lazio (Ivo Correale presidente, Roberta Cicchese relatore e Roberta Ravasio consigliere), al termine dell’udienza tenutasi oggi, si è riservata la decisione sul ricorso contro lo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia per infiltrazioni mafiose avanzato dall’ex sindaco Mascaro e cinque ex assessori (Giuseppe Costanzo, Stefania Petronio, Simone Cicco, Elisa Gullo e Michelangelo Cardamone).
E’ probabile che la decisione possa arrivare tra un ventina di giorni.
Dall’esito del procedimento amministrativo dipenderà anche il “destino” del Comune di Lamezia Terme. Vale a dire in caso di accoglimento del ricorso con il ritorno in via Perugini dell’ex primo cittadino Mascaro o, in caso di rigetto del ricorso, con la permanenza degli attuali commissari prefettizi.
Ovviamente contrapposte le richiesta che i giudici amministrativi dovranno vagliare: quella dell’Avvocatura generale dello Stato, che si opporrà al ricorso ritenendo giustificato il provvedimento di scioglimento adottato e quella dell’ex primo cittadino Mascaro che, invece, ritiene gli addebiti totalmente privi di fondamento.
Come si ricorderà il Consiglio comunale lametino è stato sciolto (per la terza volta) per infiltrazioni mafiose con decreto firmato dal presidente della Repubblica il 24 novembre 2017.