Tragedia familiare nel cosentino, nipote uccide lo zio dopo lite. La vittima aveva 54 anni

Paterno Calabro (CS) – Dramma familiare nel pomeriggio a Paterno Calabro, nel cosentino. Secondo le prime frammentarie informazioni al culmine di una lite tra nipote e zio, quest’ultimo è morto. Si chiamava Angelo Presta ed aveva 54 anni (foto in alto). Il nipote, Salvatore Presta di 35 anni, si è già consegnato ai carabinieri.
Tutti da chiarire i contorni dell’omicidio che si è verificato in contrada ‘Pugliano’ del piccolo centro. Dalle prime indiscrezioni che trapelano, sembra che l’uomo è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco e che il cadavere è stato rinvenuto in una zona agricola vicino ad un’autovettura. La vittima avrebbe minacciato il nipote con un’ascia. Salvatore Presta ha sparato con una pistola detenuta legalmente perché frequentatore di un poligono di tiro.
Anche per rilevare ogni utile elemento alle indagini sul posto sino accorsi i militari dell’Arma della compagnia di Cosenza, i carabinieri del Ris e il medico legale.
I rapporti tra l’omicida e la vittima, secondo quanto si é appreso, erano da tempo tesi per questioni che gli investigatori stanno adesso approfondendo.