Toninelli in Calabria, “Sconcertante che abbia deciso di non incontrare i Sindacati”

Lamezia Terme – “Appare davvero sconcertante e preoccupante il fatto che il Ministro Danilo Toninelli, in visita lunedì prossimo nel nostro territorio, abbia inteso non incontrare le Organizzazioni Sindacali, una decisione in contro tendenza rispetto a chi si pone come ‘partito del popolo'”.
Lo sostengono in una nota Raffaele Mammoliti – Segretario Generale area vasta CGIL, Francesco Mingrone – Segretario Generale Ust CISL Magna Grecia e Fabio Tomaino – Segretario Generale UIL Crotone.
“Eppure, la sua collega e compagna di banco, Barbara Lezzi, alla quale qualche giorno fa abbiamo lanciato l’accorato allarme ISOLAMENTO, è sembrata, non solo interessata alle difficoltà della nostra provincia, ma anche pronta a sostenere una crescita infrastrutturale. Perché mai – aggiungono – questa discontinuità tra due dicasteri, mezzogiorno e infrastrutture, che per vocazione dovrebbero ragionare assieme e, perché no, convogliare a nozze assumendo il sacrosanto impegno dello sviluppo del SUD? Perché il Ministro alle infrastrutture rinuncia all’opportunità di confronto con le parti sociali e quindi alla possibilità di comprendere meglio i nostri fabbisogni, mentre il vice premier Di Maio, in diverse iniziative del sindacato confederale continua a sottolineare l’importanza del dialogo e della concertazione? Non sappiamo se si tratta di confusione politica, inesperienza o sindrome di “CRAZY HOURSE”, ma in ogni caso ci preoccupa la superficialità con cui si affrontano tematiche che, per la nostra terra, possono davvero rappresentare un volano di sviluppo e crescita”.
Concludendo i rappresentanti sindacali affermano “Siamo sconfortati dall’atteggiamento di Toninelli, perché, forse, ci aspettavamo quell’attenzione “a cinque stelle” che attendiamo da decenni, ma non siamo certo stanchi di lottare e di rivendicare un territorio più sicuro, dove sono proprio le infrastrutture a mettere a repentaglio le nostre vite. Non siamo contro nessuno, ma siamo per qualcosa”.