Tra scienza e tecnologia, il Liceo Scientifico dei Materiali

- Advertisement -
Slider

«Imparare la tecnologia significa essere pronti ai cambiamenti». Con questa frase è stato presentato dal professore del dipartimento di Fisica Pierfrancesco Riccardi il progetto del Liceo delle tecnologie fisiche e dei materiali, che ha sottolineato l’importanza in chiave tecnologica assegnata alle scienze.
Presenti il dirigente scolastico Caterina Calabrese, il professore di Fisica del Liceo Scientifico ‘G. Berto’ Antonello Bruzzese, il presidente del consiglio d’istituto, Maurizio Morano, il presidente della provincia Alfredo Lo Bianco e la professoressa Paola Tucci, promotrice del progetto del Liceo delle tecnologie fisiche e dei materiali.
Il nuovo percorso didattico, già presente nel Istituto “Darwin” di Roma e “Fermi” di Cosenza, sarà attivo per il primo anno tra le prime classi del “Berto” a partire dall’anno scolastico 2018/2019.
«L’idea nasce dall’importanza dell’osservazione dei fenomeni naturali nelle scuole, che spesso è assente» ha ribadito il professore Riccardi. In una società in cui fare ricerca scientifica assume significati nuovi, il progetto del nuovo Liceo si pone l’obiettivo di proporre agli studenti maggiori esperienze laboratoriali.
Solo in questo modo i ragazzi si approcceranno alla scienza in modo nuovo unendo l’utile al dilettevole.
«Se la scienza è un fatto sociale – ha poi continuato il professor Riccardi – allora la società vuole controllare la scienza». “Scienza” è sinonimo di rivoluzione e la rivoluzione è l’unico tramite attraverso cui si giunge a nuove scoperte.

- Advertisement -

Realizzato da: Chiara Quattrone, Domenico Russo, Cristian Lo Muto

Between science and technology, the Liceo Scientifico dei Materiali
«Learning about technology means being ready to changes». With this sentence the project of the High school of physical technologies and of materials, which highlighted the technological importance given to science, was presented by the teacher of the department of physics Pierfrancesco Riccardi.
The school head Caterina Calabrese, the physics teacher of the Liceo Scientifico G. Berto Antonello Bruzzese, chairman of the school board, Maurizio Morano, the head of the province, Alfredo Lo Bianco and the teacher Paola Tucci, promoter of the project of the high school of physical technologies and of materials were present.
The new didactic path, already present in the Institute “Darwin” of Rome and “Fermi” of Cosenza, will be active for the first year between the first classes of the Liceo Scientifico ‘G. Berto’ from the scholastic year 2018/2019. «The idea was born from the importance of natural phenomenons observation in schools, which is often absent» restated the teacher Riccardi. In a society where doing scientific research gets new meanings, the project of the new high school sets the objective of offering to students more laboratorial experiences.
Only in this way the students will approach science in a new way combining business with pleasure.
«If science is a social fact – continued then the teacher Riccardi – then society wants to control science». “Science” is the synonym of revolution and revolution is the only vehicle through whom you can get to new discoveries.

Written by Chiara Quattrone, Cristian Lo Muto and Domenico Russo
Translated by Roberto Scalamandrè

11 maggio 2018