Sanità, ecco i dirigenti delle Asp chiamati a svolgere funzioni provvisorie secondo il “Decreto Calabria”-NOMI

NOMI Catanzaro – Il cosiddetto “Decreto Calabria” in materia di sanità approvato nella riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria e diventato operativo lo scorso 30 aprile, inizia a dispiegare i suoi effetti pratici.
Sono stati individuati, infatti, nelle scorse ore i dirigenti chiamati a svolgere le funzioni provvisorie di reggenza delle Aziende sanitarie e ospedaliere calabresi.
Si tratta di Amalia Maria Carmela De Luca (Azienda sanitaria provinciale Catanzaro), Sergio Diego (Asp Cosenza), Maria Pompea Bernadi (Asp Crotone), Elisabetta Rosa Tripodi (Asp Vibo), Adelaide Marsico (Azienda ospedaliera Cosenza), Francesco Araniti (Grande ospedale Metropolitano Reggio), Giuseppe Giuliano (Azienda ospedaliero Universitaria Mater Domini).
La struttura commissariale, come prevede il decreto che detta tempi stringenti, concerterà la nomina dei nuovi direttori generali con la presidenza della Regione. Il Commissario Saverio Cotticelli e il sub commissario Thomas Schael hanno reso noto di avere chiesto un incontro al presidente della Regione Mario Oliverio per trovare un’intesa.
Trascorsi i dieci giorni, scatterà la procedura prevista dal Decreto Calabria, cioè sarà il Consiglio dei Ministri ad adottare un’apposita delibera a cui seguirà un decreto del Ministro della Salute con la la nomina dei commissari delle Aziende.