Roberto Speranza ministro della Salute, dalla Calabria si esulta “Dovrà essere svolta nel Paese”

- Advertisement -

“Il nostro segretario nazionale Roberto Speranza è il nuovo Ministro della Salute in un Governo che dovrà rappresentare la vera Svolta nel nostro Paese”. Lo sostiene il segretario regionale di ArticoloUno, Pino Greco che aggiunge “Il riconoscimento al nostro Partito e la nomina di Roberto Speranza carica di responsabile tutti noi, dal semplice militante e simpatizzante, all’intero gruppo dirigente calabrese di Articolouno”.
“Difendere la Sanità pubblica e universale, integrare i servizi sanitari e socio sanitari territoriali ed un piano straordinario di assunzione per medici e infermieri, queste alcune delle sfide – prosegue Greco – che ci vedranno impegnati e che fanno parte dell’accordo di Governo. Si apre una pagina nuova e impegnativa soprattutto nella nostra Regione dove la Sanità ha raggiunto livelli insostenibili per la nostra popolazione. Sono certo che saremo in grado di dare le giuste risposte alla nostra gente. Auguriamo buon lavoro a Roberto a cui non mancherà il nostro appoggio. Ora al lavoro per la Calabria”.
Sulla stessa lunghezza d’onda, Berto Liguori della direzione nazionale di ArticoloUno: “La nomina di Roberto Speranza a Ministro della Salute nel governo Conte rappresenta un fatto politicamente importante. Da anni infatti, nella sua veste di Coordinatore nazionale di Articolo uno, Roberto Speranza ha dimostrato grande attenzione e sensibilità rispetto ad un tema, quello della salute appunto, che coinvolge il destino e troppo spesso la sofferenza di tante persone. Tanti i nodi da affrontare, specie in tema di riordino di un settore che nei prossimi anni vedrà circa il 50% dell’attuale struttura sanitaria nazionale andare verso il pensionamento. E tante le distanze da colmare, specie guardando al Meridione, in un settore che manifesta la più evidente disuguaglianza strutturale fra aree diverse del paese. La convinzione personale e l’augurio sincero è che Roberto Speranza saprà svolgere al meglio delle sue grandi potenzialità l’incarico prestigioso appena conferitogli”.