Regionali, lista ” 10 idee per la Calabria” è a rischio ammissione. Corte d’Appello deciderà entro 48 ore

Catanzaro – Allo scadere di mezzogiorno di oggi tutti i candidati e le liste di appoggio sono state presentate nei termini. Al momento, però, resta a rischio esclusione dalla competizione elettorale la lista “10 idee per la Calabria” a sostegno del candidato presidente Pippo Callipo.
Secondo quanto si è appreso, infatti, all’atto della presentazione presso la Corte d’appello di Catanzaro, la Commissione centrale elettorale ha eccepito, nella documentazione prodotta, la mancanza del collegamento delle liste provinciali con la candidatura a presidente.
Si tratterebbe, quindi, della mancanza di alcuni documenti che potrebbe determinare in definitiva l’esclusione della stessa lista.
Come prevede la speciale normativa elettorale dovrà ora essere il presidente della Corte d’Appello, ufficio che è costituito quale commissione centrale elettorale, a decidere, entre le prossime 48 ore, all’ammissione o all’esclusione della lista.
Intanto, una nota a firma di Domenico Gattuso, precisa che “A causa di alcuni intoppi burocratici, che stiamo ancora provando a risolvere, la lista composta dal Movimento 10 idee per la Calabria e dai Verdi potrebbe non essere presente ufficialmente al fianco di Pippo Callipo per le elezioni regionali del 26 gennaio prossimo. Al di là della questione meramente amministrativa e degli aspetti formali della vicenda, però, il nostro impegno politico rimane immutato e saremo comunque al fianco di Callipo per dare un respiro nuovo alla Calabria. Non a caso il Movimento 10 idee, composto da personalità del mondo civico e sociale, ha lavorato tanto fin dall’inizio affinché un imprenditore del valore di Pippo Callipo decidesse di offrire il suo coraggio a un progetto di cambiamento concreto che, evidentemente, è già diventato realtà con la presentazione delle liste. Nessun intoppo burocratico, dunque, potrà fare venire meno il nostro impegno e la nostra voglia di riscattare questa terra vilipesa e offesa che finalmente, con uomini come Pippo Callipo, sta trovando il coraggio rialzarsi”.