Omicidio Marco Vannini: Antonio Ciontoli condannato a 14 anni

Omicidio Marco Vannini
- Advertisement -
Slider

Confermate le condanne di Antonio Ciontoli e dei suoi familiari per la morte di Marco Vannini. E’ questa la sentenza della Cassazione. La quinta sezione penale ha ribadito la sentenza d’appello bis, del 30 settembre scorso, che aveva condannato Ciontoli per omicidio con dolo eventuale e il resto della famiglia per concorso anomalo. Sono quindi definitive le condanne a 14 anni per Antonio Ciontoli, e a 9 anni e 4 mesi per la moglie Maria Pezzillo e i figli Martina e Federico, per l’omicidio del giovane, morto nella loro casa di Ladispoli nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015.

La conferma della condanna che aveva anche richiesto il sostituto pg della Cassazione, Olga Mignolo, per la quale va giudicato inammissibile il ricorso di Ciontoli, condannato nell’appello bis a 14 anni per omicidio con dolo eventuale, e vanno rigettati i ricorsi della moglie, Maria Pezzillo, e dei figli Martina e Federico condannati a 9 anni e 4 mesi. «Tutti mentirono. Tutti hanno tenuto condotte omissive e reticenti». La madre di Marco ha accolto la sentenza tra le lacrime.