Melito Porto Salvo, violenza sessuale su 13enne: 6 condanne e 2 assoluzioni per il “branco”

Reggio Calabria – Sei condanne e due assoluzioni: si è concluso in questi modo il processo, celebrato in primo grado, per la violenza di gruppo ai danni di una ragazza (all’epoca dei fatti di soli 13 anni) di Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria.
Il collegio presieduto da Silvia Capone ha condannato: Davide Schimizzi a 9 anni e 6 mesi e 8 giorni; Giovanni Iamonte a 8 anni e 2 mesi e 8 giorni; Antonio Verduci a 7 anni; Michele Nucera a 6 anni e 2 mesi; Lorenzo Tripodi a 6 anni; Mario Pitasi (che era accusato del solo reato di favoreggiamento personale) a 10 mesi. (rispettivamente nella foto sotto ad eccezione di Pitasi) L’assoluzione, invece, è stata sentenziata per Pasquale Principato e Daniele Benedetto.
Dopo una breve camera di consiglio bis il Tribunale di Reggio ha disposto la sospensione della pena e la scarcerazione (per 2 ai domiciliari) per i giovani condannati visto l’affievolirsi delle esigenze cautelari e il notevole lasso di tempo di detenzione preventiva.
Il pm Francesco Ponzetta, al termine della sua requisitoria, invece, aveva invocato pene per complessivi 80 anni di reclusione.