Locatelli, nessuna prova morti Italia correlati a variante Gran Bretagna

- Advertisement -
Slider

“Al momento non abbiamo dati che suggeriscano questo tipo di correlazione, non è però completamente escludibile e il tutto dovrà essere attentamente studiato, andando a sequenziare i vari ceppi isolati nel nostro Paese. Però non c’è nessuna indicazione nel merito”. Così a Buongiorno, su Sky TG24, il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli, rispondendo alla domanda se possa esistere una relazione tra l’esistenza del virus mutato e il numero di casi in Italia, che rimane alto nonostante le restrizioni.

Locatelli, inoltre, ha parlato anche dell’imminente avvio della campagna vaccinale. “Questa sarà la più grande campagna vaccinale della storia dell’umanità, quantomeno in termini di concentrazione in un periodo temporale limitato. Si sta facendo il massimo, c’è un grosso lavoro preparatorio, che dura da parecchie settimane, tra struttura commissariale, ministero della Salute e Regioni. Si stanno analizzando tutti i dettagli, si sta mettendo a punto ogni singolo aspetto, per rendere la campagna vaccinale di successo. Su questo va dato un messaggio rassicurante agli italiani: nulla viene trascurato e si cerca di pianificare tutto al meglio”.