Lamezia, in scena al Grandinetti il recital teatrale “Slurp” di Marco Travaglio

- Advertisement -
Slider

Lamezia Terme – Anche Marco Travaglio a Trame.6. Nella cornice del teatro Grandinetti è andato in scena il recital teatrale “Slurp lecchini, cortigiani & penne alla bava al servizio dei potenti che ci hanno rovinati”.
Nello spettacolo “tutto da ridere per non piangere“, Marco Travaglio – con l’aiuto dell’attrice Giorgia Salari, per la regìa di Valerio Binasco – racconta come i giornalisti, gli intellettuali e gli opinionisti più servili del mondo hanno beatificato, osannato, magnificato, propagandato e smarchettato la peggior classe dirigente del mondo, issando sul piedistallo politici incapaci di ogni colore, ma(g)nager voraci, (im)prenditori falliti che hanno quasi distrutto l’Italia e stanno completando l’opera. Cronache da Istituto Luce, commenti da Minculpop, ritratti da vite dei santi, tg e programmi di regime hanno cloroformizzato l’opinione pubblica per portare consensi e voti a un regime castale e molto spesso criminale che in un altro Paese sarebbe stato spazzato via in pochi mesi, e che invece in Italia gode dell’elisir di vita eterna.
Un recital “terapeutico“, un’arma di autodifesa, un “antidoto satirico che ci aiuta a guarire – ridendo – dai virus del conformismo, della piaggeria, della creduloneria, dell’autolesionismo e della sindrome di Stoccolma che porta noi italiani a innamorarci immancabilmente del Nemico. Che ci rovina e ci rapina col sorriso sulle labbra, mentre noi teniamo la testa ben affondata nella sabbia“.
Grandi applausi e consenso del folto pubblico presente che, simbolicamente, ha reso plastico il successo non solo del recital ma anche dell’intera edizione di Trame.6.

marco-travaglio-teatro-slurp2-