Lamezia, responsabile centro per impiego ad incontro M5S diventa “caso” politico

- Advertisement -
Slider

Lamezia Terme – E’ diventato un “caso” politico, farcito di annunciati e ritirati esposti alla Procura di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, la partecipazione, nel pomeriggio, ad un’iniziativa pubblica del Movimento 5Stelle sull’accesso al Reddito di Cittadinanza, della locale responsabile del Centro per l’Impiego.
Infatti, in una prima nota stampa, il deputato pentastellato Giuseppe d’Ippolito ha annunciato un esposto alla magistratura contro l’assessore regionale Angela Robbe colpevole, a suo dire, di essere “intervenuta” per impedirne la partecipazione.
“Ne ho le prove- ha scritto d’Ippolito – . Robbe si è messa di traverso e ha usato la propria carica fuori dalle norme, con prepotenza da Marchese del Grillo. Mi era stato anticipato l’invio dell’autorizzazione da parte dell’ufficio regionale competente, necessaria perché il responsabile del Centro per l’impiego contattato spiegasse in sala come funziona il Reddito di cittadinanza. Poi Robbe è entrata in scena per vietarne la partecipazione. Questo è il concetto di libertà e democrazia che hanno ai piani alti della Regione Calabria, da cui partono lezioni di etica, antifascismo e tutela dei diritti umani».
A distanza di poco più di due ore, però, è arrivata un’altra nota nella quale l’on. d’Ippolito annuncia di rinunciare a presentare l’annunciato esposto contro Angela Robbe, in quanto, avrebbe appreso “che il responsabile del Centro per l’impiego da me contattato parteciperà al predetto incontro. Evidentemente – conclude d’Ippolito – la Regione Calabria si è resa conto dell’errore marchiano compiuto e ha rimediato in Zona Cesarini. Attendo le scuse, dovute, dell’assessore Robbe”.