Lamezia, Polizia di Stato eleva sanzioni per 9.500 Euro ad esercizio commerciale

Lamezia Terme – Ha raggiunto 9.500 euro il totale delle sanzioni amministrative che il personale della Squadra Amministrativa del Commissariato di P.S. di Lamezia Terme, coadiuvato dal personale del Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia, ha elevato lo scorso fine settimana ad una attività commerciale, un bar con l’autorizzazione alla vendita di alimenti, nel centro cittadino.
Dai controlli della Polizia è emerso come il gestore avesse messo in vendita dei prodotti alimentari, oltre 1000, preconfezionati e per lo più destinati al consumo da parte di minori di anni 18, senza l’etichettatura delle indicazioni obbligatorie in lingua italiana.
Gli Agenti oltre ad elevare le sanzioni hanno sequestrato amministrativamente i prodotti.
L’attività di controllo, che ha visto coinvolti diversi bar ed esercizi della città di Lamezia Terme proseguirà, come da programma, nei prossimi giorni quando, specie con l’avvicinarsi delle feste pasquali, si potranno verificare fenomeni d’abusivismo commerciale spesso legati alla vendita di prodotti pericolosi sia alimentari che non.
La Polizia di Stato ricorda come, a salvaguardia del consumatore, sia recentemente entrata in vigore la normativa che prescrive come il prodotto alimentare debba contenere l’etichettatura e l’elenco degli ingredienti, in particolare gli allergeni, la quantità, il peso netto, il termine minimo di conservazione, le condizioni particolari di conservazione e impiego, il nome del produttore o dell’importatore, il paese di origine, le istruzioni per l’uso e le indicazioni nutrizionali, per le bevande con il 1,2 % di alcool anche il volume alcolometrico, e tutto deve essere rigorosamente riportato in lingua italiana.