Lamezia, Nuovo Cdu: Tropi disagi alla stazione Fs centrale, si provveda a renderla più agevole

- Advertisement -

Lamezia Terme – “Quest’estate, alla stazione ferroviaria di Lamezia Terme Centrale, sono transitati un numero elevatissimo di passeggeri tra cui alcuni anziani, altri disabili, altri con difficoltà di deambulazione e famiglie con passeggini, ma tutti con un gran numero di bagagli pesanti ed ingombranti. Inoltre, spesso si è verificato che gli unici 2 posti macchina destinati ai disabili davanti alla stazione, fossero occupati dai numerosissimi pullman di linea che transitano e sostano davanti alla stazione e che, per ragioni di sicurezza, comodità, opportunità, sarebbe il caso di spostare nel vicinissimo piazzale già parzialmente creato (Zona Locomotiva) e ancora non utilizzato consentendo così un accesso più facilitato alla stazione per tutti”.
E’ quanto scrivono il coordinatore e presidente cittadino del Nuovo Cdu di Lamezia Terme, Giancarlo Muraca e Giuseppe Muraca che aggiungono “Purtroppo per recarsi al secondo, terzo e quarto binario (destinati alla fermata dei treni) l’unica via di accesso è una serie di rampe di scale, non comodissime, che creano problemi notevoli e, in alcuni casi, insormontabili a tutti i passeggeri e in modo particolare ai disabili, ma anche alle persone con bagagli e carrozzine. Sappiamo che le Ferrovie Italiane, avvisate in anticipo ed esibendo il biglietto, intervengono con un servizio di assistenza alle persone disabili per farle salire sul treno, ma nessun aiuto è previsto nello spostamento dal posto macchina al treno”.
“Alla luce di questi nostri piccoli esempi, (che non sono altro che lamentele che abbiamo ricevuto in tutto questo periodo dai viaggiatori)- proseguono – chiediamo ad RFI (Rete Ferroviaria Italiana) di voler provvedere, con celerità, alla ristrutturazione dell’intera stazione ferroviaria di Lamezia Terme Centrale affinché gli utenti possano raggiungere facilmente il treno con un sistema moderno, funzionale ai bisogni delle persone (ascensori, scale mobili, tapis roulant, ponti sopraelevati, carrelli porta bagagli, come accade da tempo in tanti altri luoghi), per rendere più facile e comodo lo spostamento dei viaggiatori all’interno della stazione. Rispettare e farsi carico delle persone in difficoltà è un segno di civiltà che non possiamo trascurare e dimenticare”.