Lamezia, Meetup 5 Stelle: Mascaro responsabile di aver voluto il sostegno politico di Galati e dei suoi fedelissimi

Lamezia Terme – Continuano le prese di posizione dopo che il Consiglio di Stato ha reinsediato la terna commissariale al Comune di Lamezia Terme, in attesa dell’udienza di merito in programma il prossimo 11 aprile.
Sulla situazione interviene il Meetup 5 Stelle-Amici di Beppe Grillo che dichiara “Le decisioni dello Stato si rispettano. Lo avevamo già dichiarato all’indomani della sentenza del Tar del Lazio e lo ribadiamo anche oggi. Attendiamo quindi con serenità la pronuncia del Consiglio di Stato, tra poco più di due settimane, in merito alla decisione d’urgenza con la quale sabato scorso lo stesso presidente del C.d.S. ha ordinato la sospensione della sentenza del Tar. Possiamo capire l’amarezza del sindaco Mascaro e quella della cittadinanza per il ritorno della stessa triade commissariale il cui operato si è sin qui dimostrato oggettivamente fallimentare, ma non ci piace affatto il nuovo attacco frontale alle istituzioni del primo”.
“Premesso – ricorda il Meetup lametino – che sarebbero bastate le sue immediate dimissioni, da noi vanamente richieste, nell’immediatezza del deflagrare dell’operazione ‘Crisalide’ per scongiurare quantomeno il lungo commissariamento e magari l’onta del terzo scioglimento, bisogna comunque ricordare che il sindaco ‘sospeso’ è a sua volta alle prese con tre grane giudiziarie. Per il reato di false fatturazioni, che avrebbe commesso ai tempi di presidenza della Vigor Lamezia, ha ricevuto avviso di conclusione indagini. Idem per la vicenda, obiettivamente meno grave, della concessione del PalaSparti per le ‘Final Eight 2017’ di calcio a 5 femminile. E’ invece già stato rinviato a giudizio, con l’accusa di concorso in abuso di ufficio e false informazioni rese al Pm, nell’ambito della vicenda Sacal (per intenderci, quella per la quale avevamo invitato, come al solito invano, Mascaro a querelare immediatamente, qualora si fosse ritenuto realmente estraneo alla vicenda, l’allora ‘suo’ rappresentante in Sacal)”.
“Ma quello che più ci preoccupa,- sottolinea il Meetup – è che determinati soggetti e partiti politici non ci pare abbiano mai realmente appreso la ‘lezione’ a seguito degli ‘incresciosi’ episodi verificatisi a ‘contorno’ delle ultime elezioni comunali. Mascaro, ad esempio, non ha mai inteso spendere una parola per invitare l’allora presidente del consiglio Francesco De Sarro a fare un passo indietro per motivi di mera opportunità politica. Lo stesso De Sarro junior, dopo lo scioglimento del consiglio è stato addirittura premiato dai vertici provinciali e locali di Forza Italia, venendo nominato, rispettivamente, vice-coordinatore provinciale del partito e nuovo capogruppo degli ‘azzurri’ nella massima assise cittadina al momento congelata. Per non parlare delle mancate dimissioni da consigliere di quel Luigi Muraca classe ’68, finito in carcere con un’accusa grave ed infamante, e tirato in ballo in un’intercettazione dell’ex parlamentare Galati finita agli atti del procedimento ‘Quinta bolgia’. A Mascaro addebiteremo sempre l’incoscienza politica di aver fortemente ricercato e ottenuto il sostegno di un certo Pino Galati e di essere stato di fatto sostenuto da una maggioranza composta sostanzialmente da consiglieri comunali a lui a dir poco vicini. Diversi, troppi, componenti dell’ultimo civico consesso – conclude il Meetup – non avevano i requisiti morali per rappresentare istituzionalmente una città già di per sè difficile e complessa”.