Lamezia, Maria muore a 37 anni ma è donatrice: salva la vita a diversi malati

Lamezia Terme – E’ una storia triste, drammatica ma anche foriere di speranza per la generosità e l’altruismo che la distingue.
E’ la storia di Maria Strangis lametina di 37 anni deceduta dopo cinque giorni all’ospedale di Tor Vergata a Roma.
Maria, stava rientrando in treno dalla capitale, quando si è sentita male. Nella stessa carrozza si trovava anche una dottoressa che ha prestato le prime cure ma che si è anche resa subito conto della gravità delle sue condizioni.
Tanto è vero che si è reso necessario “dirottare” il treno facendolo fermare alla prima stazione utile per consentire l’arrivo di un’ambulanza e disporre l’immediato ricovero in ospedale.
Una volta giunta nella struttura, vista la gravita delle sue condizioni, Maria è stata sottoposta ad un intervento chirurgico ma il decorso operatorio non ha lasciato molte speranze. Dopo cinque giorni Maria è spirata.
Una tragedia per una giovane donna che si è trasformata per la sua bontà in un inno alla vita.
Maria, infatti, era una donatrice di organi e per esaudire la sua volontà la sua famiglia ha deciso di autorizzare l’espianto degli organi per farne dono a diversi malati in attesa di trapianto.