Lamezia, ecco il rendiconto 2018 dell’attività della Polizia Locale

Lamezia Terme – Presso la sala di formazione del Comando di Polizia Locale di Lamezia Terme e alla presenza del Commissario Straordinario, Francesco Alecci, si è svolta una conferenza stampa per illustrare i dati delle attività svolte nel 2018 dal Corpo e presentare la festa del Corpo che si svolgerà il 20 gennaio.
In apertura il Dirigente Comandante la Polizia Locale, Col. Salvatore Zucco ha voluto evidenziare come il rendiconto non può e non deve prescindere da una preliminare e fondamentale considerazione in ordine alla dotazione organica del Reparto.
“I 46 addetti al Settore Vigilanza e Sicurezza Urbana, inclusi gli ufficiali, con una previsione per l’annualità 2019 di una ulteriore riduzione di 4/5 unità – ha detto – rappresentano un vulnus immenso alla proiezione operativa del Corpo. Oltre alle inabilità al servizio incondizionato di quasi metà del personale. Ciò premesso, va detto che il Corpo si cimenta giornalmente nella gestione di complessissime tematiche, connesse al ruolo istituzionale, e non solo. Le sfide del territorio sono molteplici. La congiuntura amministrativa della città non è delle più felici; la Polizia Locale ha fatto e farà, come sempre, la sua parte. Tra e per la gente”.
Zucco, inoltre, ha proseguito ricordando che il “2018 è stato un anno complesso, difficile per l’Ente. Il Comandante della Polizia Locale per oltre 1/3 dell’anno ha dovuto sobbarcarsi anche gli oneri dirigenziali di colleghi dirigenti assenti. Ciò ha inevitabilmente compresso il tempo lavoro da dedicare al Corpo; ciononostante nel 2018 sono stati conseguiti risultati di tutto rilievo, grazie alla dedizione di tutti i componenti il reparto.
A fronte di un calo di circa il 14% della sanzioni al codice della strada che si attestano a circa 9.800 circa si apprezza un introito di circa 497.000. Il calo riguarda esclusivamente le soste vietate, ed è direttamente connesso al cambio della gestione dei parcheggi a pagamento, oltre che alla minore proiezione di personale connessa alla sopra indicata carenza organica. E’ rilevantissimo l’aumento delle sanzioni per così dire di qualità, con 30 verbali per guida in stato di ebbrezza alcolica, 10 in stato di alterazione da sostanze stupefacenti e ben 99 patenti ritirate complessivamente. L’Aautoscan, ha consentito di scovare circa 177 veicoli privi di revisione e 33 privi di copertura assicurativa. In tema di infortunistica, si registra un calo del 33% degli incidenti rilevati. attestatisi a 124 di cui uno con esito mortale; 85 con lesioni che hanno causato per un totale di 126 feriti ( 179 lo scorso anno). Oltre 180 i posti di controllo con il presidio delle strade costiere nelle notti più a rischio stragi in estate e durante le feste natalizie”.
“L’attività di Polizia giudiziaria sviluppata dall’apposito nucleo ed incidentalmente da tutte le specialità del Corpo, ha fatto registrare numeri imponenti. Per tutti 104 notizie di reato complessive, con 190 persone denunciate, sette arresti e 3 ordinanze restrittive della libertà personale eseguite. Anche nell’anno in corso il Corpo ha avuto credito e fiducia da parte dell’Aautorità giudiziaria, che ha delegato delicatissime indagini in materia di stalking e sfruttamento della prostituzione che hanno consentito sinora di arrestare 4 persone”.
Per Zucco, ancora “La vigilanza edilizia e quella ecologica hanno trovato anch’esse nuovo slancio con numeri al rialzo: 34 gli abusi penali, con oltre 30 sequestri oltre numerose sanzioni amministrative accertate in oltre 170 sopralluoghi. Il Settore Ambiente si è prodigato in maniera egregia, accertando numerosi abbandoni di rifiuti contra legem, svolgendo una attività incessante che ha consentito di elevare circa 90 infrazioni di natura amministrativa e 16 in materia penale. Rinvenute oltre 30 carcasse dei veicoli, ed avviate a smaltimento oltre 1200 pneumatici oggetto di abbandono abusivo. L’attività di polizia amministrativa e commerciale, che attraverso periodiche verifiche e controlli delle attività commerciali itineranti e fisse costituisce un vero e proprio servizio di tutela della leale concorrenza e della sicurezza della merci nel 2018 ha fatto registrare una crescita esponenziale record. Quasi 29 mila i pezzi sequestrati( per mancata certificazione di marcatura europea, falsificazione di marchi, mancanza di indicazioni in lingua italiana ecc) e circa 1300 i chilogrammi di derrate alimentari sequestrate, delle quali un quintale proveniente dall’Ucraina ed importato illegittimamente. Di assoluto impatto i controlli congiunti con l’ASP. In materia di tutela della igienicità degli alimenti. Controllate tutte le pescherie cittadine con ingenti sequestri di pescato e sanzioni pecuniarie comminate, sequestrato oltre un quintale di funghi di provenienza ignota. Distrutti oltre 10 mila pezzi sequestrati negli anni scorsi”.
“Fondamentale ed insostituibile anche l’impegno degli uffici interni- ha sottolineato il Comandante – che oltre a sobbarcarsi il carico ulteriore di lavoro derivante dall’aumentata attività esterna, contribuiscono giornalmente in maniera determinante, con grande spirito di sacrificio, all’attività operativa su strada. Con 90 trattamenti sanitari obbligatori, 101 determinazioni dirigenziali, 278 permessi per persone diversamente abili, programmazione di 67 momenti progettuali, ed ogni oscura ma preziosissima attività di gestione delle risorse umane e strumentali.
Di immediato impatto su tematiche importanti ed attuali gli innumerevoli accertamenti informativi ed anagrafici dell’Ufficio Indagini Ambientali nonchè le verifiche dell’Ufficio Viabilità ed occupazione suolo pubblico.
La Sala Operativa, quotidianamente impegnata nel coordinamento degli interventi sul territorio e nella gestione del sistema di videosorveglianza, costituisce il cuore pulsante del Corpo. Il Contenzioso e l’Ufficio Infortunistica hanno dato sostanza al lavoro esterno.”
Concludendo il Col. Zucco ha detto “Questi numeri sono il frutto di un continuo, proficuo ed incessante impegno del personale, al quale si intende porgere senza riserva l’incondizionato e grato grazie da parte del Dirigente. La speranza più viva è che il 2019 non tarpi le ali, a suon di ulteriore riduzione dell’organico, ad un Corpo che ha voglia di crescere e di affrontare e vincere le sfide del territorio. La polizia locale, farà comunque, la propria parte, convinta come è, dell’insostituibile ruolo che le istituzioni e, soprattutto, la cittadinanza e la tradizione, le assegna”.