Il governo Conte-bis. Ancora una volta la Calabria recita un ruolo passivo e marginale

E’ nato il nuovo governo, il governo cosiddetto Conte-bis. Ancora una volta, però, la Calabria non sarà rappresentata a Palazzo Chigi. Segno di un ruolo marginale che la nostra regione recita da troppo tempo nell’ambito politico-istituzionale a livello nazionale. Una regione ferma al palo, una regione i cui dati macroeconomici mostrano ancora sofferenza e incapacità di rispondere alle sfide del presente e del futuro. Ambiente, sanità, rifiuti, infrastrutture, lavoro rappresentano lo specchio di una regione sofferente e dalla quale sempre più i giovani scappano.

Beninteso, la nostra regione è in buona compagnia perchè ci sono molte altre regioni rimaste a secco nella rappresentanza geografica: ad esempio, le cosiddette regioni rosse: Toscana, Umbria e Marche. Senza ministri anche Liguria, Abruzzo e Sardegna.