Crotone e Catanzaro in auge; male Reggina e Cosenza, ok Vibonese

- Advertisement -
Slider

 

- Advertisement -

SERIE A

Non bastano per cambiare la posizione in classifica, ma i tre punti conquistati dal Crotone sono un’iniezione di fiducia per la squadra. Nello scontro diretto di sabato pomeriggio contro lo Spezia, i pitagorici si sono imposti 4-1, chiudendo la caccia alla prima vittoria stagionale. Il match lo sblocca Messias, che lanciato da Molina all’8’ si fa tutta la metà campo avversaria e calcia col sinistro, mettendo il pallone alle spalle di Provedel.

Le cose sembrano mettersi male al 18’, quando Zanellato serve un assist involontario a Farias, che ringrazia e segna il gol del pareggio. Ma Reca ed Henrique la chiudono tra il 49’ e il 56’: il polacco scatta sulla fascia sinistra, si accentra e calcia, mentre il brasiliano realizza il tap-in su cross basso di Pedro Pereira.

Nel finale arriva la doppietta personale di Messias, che insacca dopo l’uno contro uno con Provedel. Il Crotone rimane fanalino di coda della Serie A, alle spalle di Genoa e Torino, ma sale a quota 5 in classifica.

Serie B e C

Weekend negativo invece per le calabresi di Serie B. La Reggina non è riuscita a dare continuità alla vittoria per 2-1 sul Brescia e venerdì ha perso 3-0 a Verona contro il Chievo: di Margiotta (24’ e 56’) e Rigione (75’) le reti. Non è andata molto meglio al Cosenza, sconfitto sabato 1-0 in casa contro la Reggiana: decisivo il gol di Varone al 65’. Gli amaranto, che torneranno in campo stasera al Granillo contro il Venezia, sono quindicesimi in classifica, mentre i lupi, un gradino sotto, occupano la zona playout.

Meglio le squadre di Serie C, col Catanzaro che si è imposto ieri 3-1 sul campo del Bisceglie, consolidando il quarto posto nel Girone C. Pareggia 0-0 a Bari la Vibonese, che scivola all’undicesima posizione.

Riccardo Ciriaco