Due studenti liceali lametini finalisti al Premio di scrittura “Le città di Berto” a Mogliano Veneto

Lamezia Terme – Due studenti di due diversi Licei lametini: il Liceo ‘Campanella’ e il Liceo Scientifico ‘Galilei’ sono tra i premiati della 30ma edizione del Premio di scrittura “Le Città di Berto”.
Sono Gabriella Rosato per la sezione racconto lungo e Domenico De Vito, nella sezione racconto breve. La cerimonia di proclamazione e la premiazione dei vincitori scelti dalla giuria tra oltre cento concorrenti, tutti studenti di scuole superiori delle province di Treviso, Vibo Valentia e Venezia, e questo anno scolastico, per la prima volta anche la provincia di Catanzaro si svolgerà venerdì 24 maggio presso il Liceo ‘Giuseppe Berto’, a Mogliano Veneto.
Grande attesa e sorpresa per i due studenti lametini e grande soddisfazione dei due dirigenti scolastici, Giovanni Martello e Teresa Goffredo, che si dicono soddisfatti e orgogliosi dei risultati raggiunti.
Il Premio è promosso, in memoria dello scrittore che nacque a Mogliano ed è sepolto a Ricadi dove ha vissuto gli ultimi anni della propria vita, dal Liceo Statale di Mogliano Veneto, con il patrocinio di Associazione culturale Giuseppe Berto, Regione Veneto, Provincia di Treviso, Comune di Mogliano Veneto.
Il Dirigente scolastico Teresa Goffredo ha ricevuto i complimenti della figlia dello scrittore Antonia Berto (nella foto) che sarà presente alla premiazione: Antonia Berto ha espresso grande soddisfazione per l’ampliamento del Premio alla provincia di Catanzaro e la partecipazione degli studenti lametini al Premio.
Ai primi tre classificati di ciascuna sezione saranno consegnati premi in denaro (400 euro al primo, 250 al secondo e 150 al terzo). Inoltre, i vincitori della sezione “racconto lungo” saranno inviati alla selezione del prossimo Concorso Campiello Giovani.
I lavori dei partecipanti sono stati valutati dalla giuria, presieduta da Emilio Lippi, Direttore delle Biblioteche e dei Musei di Treviso, e formata da Patrizio Rigobon, docente di Catalano all’Università Cà Foscari, Luciana Ermini, direttrice dell’Eco di Mogliano e dai docenti Diego Bottacin (membro esterno), Elisa Tetamo, Alessandra Visentin e Stefano Stringini (membri interni). Segretario del Premio, la professoressa Gabriella Ferman.