De Luca e Rizzo (Asp Catanzaro): c’è chi tenta interruzione pubblico servizio, ma lavoro continua

Catanzaro – In riferimento ai continui articoli apparsi sulla stampa, intervengono il Direttore Sanitario Aziendale, dott.ssa Amalia De Luca e il Direttore Amministrativo Aziendale, dott.ssa Elga Rizzo: “È a dir poco sospetto quello che sta accadendo all’ASP di Catanzaro immediatamente dopo la decadenza del Commissario, dott. Giuseppe Fico. Tutti i problemi che datano da diverso tempo e la cui risoluzione è in itinere e comunque è in capo agli uffici competenti, improvvisamente diventano non più rimandabili”.
È questo – si legge in una nota – lo scenario che si è presentato al Direttore amministrativo, dott.ssa Elga Rizzo, ed al Direttore sanitario, dott.ssa Amalia De Luca, all’indomani della pubblicazione del Decreto legge n° 35 del 30 aprile 2019, cosiddetto Decreto Calabria.
“Con un tempismo degno dei più abili giocatori di scacchi- stigmatizzano De Luca e Rizzo – si tenta di procurare interruzione di pubblico servizio, si allertano giornalisti per registrare la presunta inefficienza dei vertici aziendali, si richiama l’attenzione su problemi la cui soluzione è già avviata da tempo, come quello del sistema di sterilizzazione del presidio Ospedaliero ‘Giovanni Paolo II°’ di Lamezia. Sull’altro piatto della bilancia, invece, sembrano non pesare tutte le iniziative e gli interventi della Direzione aziendale che quotidianamente consentono ai servizi della ASP di funzionare, nonostante la carenza cronica di personale e la difficoltà a reperirlo, le inerzie burocratiche del sistema, il diffuso clima di sfiducia e di demotivazione. Se, nonostante tutto, l’obiettivo è quello di rappresentare un quadro distorto della realtà, la direzione strategica non ci sta”.
Per Amalia DE Luca ed Elga Rizzo “C’è da chiedersi: quali giochi di potere sottendono a tutto ciò? Quali interessi si vogliono tutelare? In un momento come questo non servono certo azioni di disturbo, che creano ed alimentano i disservizi, ma occorrono sani intenti e lavoro di squadra. È con questo spirito che stiamo operando e continueremo ad operare, fiduciose nella fattiva collaborazione di tutti. Contiamo sul personale dell’ASP, dipendente e convenzionato, sanitario e non, che quotidianamente e con professionalità opera per garantire il funzionamento dei servizi; facciamo appello – concludono – a tutti gli stakeholders affinché, ognuno per la propria parte, contribuisca a creare il clima favorevole al difficile lavoro, che il management aziendale, in questo particolare momento, è chiamato a svolgere.”