Crotone, omicidio Tersigni: Due arresti, decisive le riprese della telesorveglianza

Crotone – Non hanno dubbi gli investigatori della Squadra Mobile della Polizia. Ad uccidere Giovanni Tersigni, il 36enne ferito a morte sabato scorso nel centro storico di Crotone sarebbero stati Paolo Cusato (30 anni di Crotone) e Dimitrov Todorov (22 anni, bulgaro).
Nello specifico Cusato è accusato di omicidio, per aver materialmente esploso i colpi di pistola che hanno provocato la morte di Tersigni, mentre Todorov è accusato di detenzione di un chilo di eroina, ma su di lui ci sono in corso altri accertamenti, per verificare un eventuale coinvolgimento più diretto nella sparatoria.
A Cusato gli inquirenti sono arrivati grazie ad alcuni filmati della telesorveglianza. Una scena lo riprende mentre lancia una busta sul tetto di una casa in via Risorgimento, poco distante dal luogo della sparatoria. In quella busta gli agenti hanno trovato una pistola calibro 7.65 (lo stesso dei colpi che hanno ucciso Tersigni), guanti in lattice, un cappellino ed una felpa.
Nel frattempo, nel corso delle perquisizioni mirate che sempre seguono fatti di sangue, gli agenti hanno trovato l’eroina a casa di Todorov. Le indagini comunque continuano, per chiarire definitivamente dinamica del fatto ed eventuali altre responsabilità così come altre presenze sul luogo del delitto.