Crotone, chiusa l’inchiesta sul crollo del muro in Viale Magna Grecia: cinque indagati

Crotone – Omicidio colposo plurimo e violazione delle norme sulla sicurezza nei cantieri. Queste le ipotesi di accusa formulate dal sostituto Procuratore presso il Tribunale di Crotone, Andrea Corvino che ha chiuso le indagini preliminari sul crollo del muro di contenimento in Viale Magna Grecia a Crotone.
Come si ricorderà nel crollo, avvenuto il 5 aprile 2018, persero la vita tre operai: Giuseppe Greco, Dragos Petru e Mario Demeco.
Cinque gli indagati: Massimo Villirillo e Gaetano Cosentino, rispettivamente procuratore speciale e rappresentante legale della “Crotonscavi”, impresa che stava eseguendo i lavori per conto del Comune; Giuseppe Germinara, responsabile unico del procedimento; Sergio Dinale, progettista e coordinatore della sicurezza del cantiere e Giuseppe Spina, direttore tecnico del cantiere.