Cosenza, Marco Rizzo (Partito Comunista) ha presentato i candidati calabresi alle Europee

Cosenza – Si è tenuta questa mattina, nei locali della federazione di Cosenza del Partito Comunista – ubicata nel popoloso quartiere dei Rivocati , la conferenza stampa di presentazione della lista dei comunisti per la circoscrizione meridionale delle elezioni europee 2019.
Di fronte ad un nutrito pubblico che ha gremito la sala, costringendo una porzione dei partecipanti a seguire dalla strada adiacente gli interventi, hanno relazionato il Segretario Generale Marco Rizzo ed i due candidati calabresi Mariangela Verardi e Franco Adamo.
L’intervento di Marco Rizzo si è concentrato su alcuni punti chiave e temi dirimenti del programma comunista, quali la globalizzazione economica selvaggia la quale, attraverso le multinazionali, governa ed indirizza i vari esecutivi nazionali calpestando ripetutamente i diritti dei lavoratori e delle classi popolari. Proprio per queste categorie si fa ancora più urgente la necessità di un riscatto totale che non può che passare da un recupero integrale del rapporto ombelicale che le lega ai comunisti.
Rizzo ha, inoltre, discusso dell’importanza del processo di ricostruzione di un forte Partito Comunista capace di ripartire proprio dalle classi popolari ed in grado di mantenere solide la propria integrità e la propria identità in un particolare periodo storico durante il quale la crisi economica ha stretto ancora di più il cappio attorno al collo delle lavoratrici e dei lavoratori tutti.
Il candidato Franco Adamo, ex operaio in pensione, ha concentrato il proprio intervento sulla questione centrale e strategica per la Calabria rappresentata dal porto di Gioia Tauro, interessato nel corso degli ultimi mesi da ripetuti stati di agitazione che hanno messo a repentaglio i posti di lavoro a causa delle bizze delle compagnie marittime europee. Proprio tale infrastruttura, ha dichiarato Adamo, andrebbe potenziata assieme a tutta la rete di trasporti calabrese, in modo tale da poter garantire lo sviluppo economico anche del Mezzogiorno.
La candidata Mariangela Verardi, laureata in Farmacia, ha invece incentrato la propria discussione sulla grave questione della disoccupazione giovanile che in Calabria arriva a toccare picchi statistici allarmanti e non più sopportabili. Verardi, inoltre, ha puntato il dito contro le folli politiche sanitarie perseguite dai governi europei, nazionali e locali che hanno portato ad aziendalizzare la sanità e gli ospedali, riducendo drasticamente tanto la quantità che la qualità delle prestazioni erogate all’utenza pubblica. Il grave stato di definanziamento della sanità pubblica calabrese ha decretato l’impossibilità di poter disporre delle risorse economiche e professionali basilari per poter rispettare i Livelli Essenziali di Assistenza, condizione che costringerà ancora i pazienti calabresi a ricorrere all’emigrazione sanitaria.

- Advertisement -