Cosenza, dentista sospeso dall’ordine esercitava lo stesso: condannato a due mesi

Cosenza – Due mesi di reclusione. E’ la condanna emessa dal Tribunale di Cosenza nei confronti del medico dentista Giuseppe Giogà, accusato di esercizio abusivo della professione per avere curato dei pazienti pur essendo stato sospeso dall’ordine dei medici ed odontoiatri di Vibo Valentia.
Secondo l’accusa Giogà ha continuato ad esercitare nonostante una serie di procedimenti disciplinari subiti nel dicembre 2013 e a maggio 2015.
Le indagini condotte dalle forze dell’Ordine hanno preso il via dalla segnalazione di una donna, sottoposta a cure mediche che venivano prestate saltuariamente ed in modalità che l’avevano fatta insospettire per l’impossibilità di contattare prontamente il medico in orari ordinari e che si erano interrotte bruscamente senza essere terminate.
Nel corso dei dibattimento sono stati sentiti i carabinieri del Nas che hanno effettuato i controlli allo studio dentistico e che hanno dichiarato che il 28 maggio 2014, recandosi allo studio medico hanno trovato il dottore Giogà in piena attività e con tanto di pazienti sdraiati sul lettino.
Adesso il medico, difeso dall’avvocato Daniela Garisto, dovrà risarcire sia l’ordine dei medici che la signora danneggiata dal suo operato, costituitisi parte civile con l’avvocato Chiara Penna e l’avvocato Maria Giungato.