Consensi per il Convegno “itinerante” dell’Unione Nazionale Camere Minorili

Il Convegno/Congresso dal titolo “Per ri-scoprire il sorriso” tenuto nei giorni scorsi, organizzato dall’Unione Nazionale Camere Minorili e dal Coordinamento Camere Minorili Calabresi, ha ottenuto riscontri molto positivi sia in termini di organizzazione e presenze che di contenuti. Tre giornate piene, dall’auditorium del Tribunale per i Minorenni Catanzaro al Teatro Rendano di Cosenza fino alla giornata conclusiva di Lamezia. Esperti del settore, avvocati e giudici minorili si sono avvicendati sui palcoscenici delle tre città calabresi, sviluppando un dialogo interdisciplinare di fronte ad avvocati provenienti da tutte le regioni. La giustizia minorile, oltre a ragionare su pregi e difetti, si è aperta alla contaminazione degli altri saperi, dalle discipline psicosociali alle neuroscienze, attraverso uno scambio di esperienze assai proficuo. Ad accogliere ospiti e relatori i tre presidenti delle Camere Minorili nelle cui sedi si sono svolti gli eventi, le avvocate Rossana Greco, Anna Filice e Nicoletta Perri, che hanno posto l’accento sull’occasione fornita dall’iniziativa, approdata in Calabria per la prima volta, un momento di crescita non soltanto professionale, ma anche umana. Appassionata e ricca di spunti interessanti la relazione del Presidente del Tribunale per i Minorenni di Catanzaro, Teresa Chiodo, cui ha fatto seguito la commuovente testimonianza di tre ragazzi provenienti da percorsi minorili. Da Cosenza, nella suggestiva cornice del Teatro Comunale, Grazia Ofelia Cesaro, Presidente dell’Unione Nazionale, ha lanciato un laboratorio di nuove idee, anche per sensibilizzare maggiormente le istituzioni e il Governo. Valeria Veschini, attrice, ha letto alcuni brani tratti dal romanzo Almarina di Valeria Parrella, emozionando la sala. Luca Vallario, psicoterapeuta, e Giap Parini, sociologo, hanno discusso del cambiamento identitario degli adolescenti. Gianluca Serafini, docente di psichiatria a Genova, ha parlato di plasticità del cervello e di nuove dipendenze. Giuseppe Spadaro, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna, ha catturato le scolaresche con un intervento vibrante, conclusosi con la standing ovation dei ragazzi presenti. Nel pomeriggio cosentino le tavole rotonde in materia civile, penale e internazionale, cui hanno partecipato illustri relatori. Sabato, infine, il Congresso UNCM di Lamezia in cui sono state discusse e ratificate anche le “Linee guida sul curatore speciale del minore”, novità importante e significativa. Diversi i calabresi con incarichi di rilievo nazionale intervenuti nell’arco delle tre giornate. Gli avvocati Ilaria Summa, Responsabile del settore penale, Luca Muglia, già Presidente UNCM e Responsabile del laboratorio scientifico sulle neuroscienze, Antonio Pacillo, segretario uscente e componente del direttivo nazionale, e Giuseppe Marino, Responsabile del Coordinamento Camere Minorili Calabresi.

(c.s.)