Concorsi al “Pugliese-Ciaccio” in standby. Nuovo intervento del Consiglio di Stato

- Advertisement -
Slider

Catanzaro – Il Consiglio di Stato ha fissato per il prossimo 14 febbraio la camera di consiglio per discutere del ricorso presentato a nome dei suoi assistiti dall’avv. Pietro Siviglia (contattato da Calabria news) previa sospensione ed adozione delle opportune misure cautelari del concorso per 18 infermieri e 30 operatori socio sanitari per l’azienda ‘Pugliese-Ciaccio’ di Catanzaro.
La sospensione invocata, nello specifico, è relativa alla richiesta di applicazione delle normative vigenti che impegnerebbero l’azienda ospedaliera catanzarese a coprire eventuali vuoti di organico attingendo dalle graduatorie di altre aziende sanitarie regionali o anche extra-regionali, come nel caso di specie.
La decisione del Consiglio di Stato di fissare una nuova camera di consiglio (in un primo tempo stabilita per il 7 febbraio) è da mettere in relazione alla complessa attività di notifica delle copie del ricorso in appello destinata ai tanti controinteressati da chiamarsi in giudizio.
Intanto è attesa per le prossime ore la decisione dello stesso Consiglio di Stato circa il ricorso di alcuni candidati che hanno superato la fase di pre-selezione del concorso svoltosi nel mese di luglio 2018 presso la Fondazione Terina di Lamezia Terme.
Una fase, come si ricorderà, sospesa per le irregolarità riscontrate prima dalla stessa Azienda ospedaliera e poi dal Tar calabrese.
Al momento, dunque, restano confermate le date della nuova prova concorsuale per gli Oss il 25 e 26 gennaio (con prova orale il 18 febbraio) e per gli infermieri il 28 e 29 gennaio (con prova orale il 25 febbraio).