Comunali Vibo, presentate le liste a sostegno di Maria Limardo: “Puntiamo su lealtà e concretezza”

Vibo Valentia -La campagna elettorale a Vibo Valentia, in vista delle elezioni amministrative del 26 maggio, è ufficialmente iniziata. Dopo il Movimento Cinque Stelle che ha presentato qualche giorno fa la propria lista, oggi pomeriggio è toccato al centrodestra presentare ufficialmente le liste a sostegno di Maria Limardo. Non è più il tempo delle sale strapiene e dei viali invasi dalle macchine, ma è comunque una buona cornice di pubblico quella che si è stretta attorno all’avvocato vibonese nel giorno della presentazione ufficiale delle liste. Come è noto, sono otto le compagini in campo (tre di estrazione puramente partitica, Forza Italia, Fratelli d’Italia ed Udc, cinque le liste civiche: Forza Vibo Porto Santa Venere, Vibo da Vivere, Rinasci Vibo, Città Futura e Liberi e Forti) a sostegno della Limardo. L’iniziativa, presentata dal giornalista Maurizio Bonanno, ha visto il susseguirsi degli interventi dei vari promotori delle liste: Michele Zaccaria (Forza Vibo Porto Santa Venere), Domenico Orecchio (Liberi e Forti), Alfonso Grillo (Vibo da Vivere), Tonino Daffinà (Rinasci Vibo), Nico Console (Udc), Città Futura (Danilo Tucci), Antonello Fuscà (Fratelli d’Italia). A concludere gli interventi delle liste a sostegno della Limardo, è stato il Senatore di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori.

- Advertisement -

Quest’ultimo ha voluto fare una breve premessa sulle ragioni che lo hanno portato (insieme al proprio gruppo di riferimento) a staccare la spina all’amministrazione Elio Costa. Poi è entrato nel merito del prossimo futuro: “Rispetto al passato abbiamo fatto un grande passo in avanti – ha sottolineato il parlamentare azzurro – e ci siamo seduti intorno ad un tavolo con gli amici della coalizione. Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo detti che non possiamo più sbagliare e che era la volta buona. Ci mettiamo la faccia – ha chiosato Mangialavori – e tu Maria sei riuscita a mettere tutti d’accordo“.

Applausi in sala per le parole proferite dal senatore azzurro che ha voluto ringraziare per la presenza l’On. Jole Santelli, anch’ella in prima fila accanto allo stesso Mangialavori a sostegno della Limardo.

Conclusioni, ovviamente, affidate al candidato a sindaco del centrodestra Maria Limardo:

“Le nostre sono liste composte da persone serie, da persone che sono veramente innamorate della nostra città. Da noi vi dovete aspettare il solo interesse e la tutela dei cittadini e non il mero e becero esercizio del potere”. Da qui un vero e proprio attacco al suo principale avversario, il candidato del polo di centrosinistra (più civici) Stefano Luciano: “Noi non siamo ingordi di potere come lo è qualcun altro dall’altra parte. Siamo leali, non ci nascondiamo dietro esercizi di potere. Lo sfilacciamento della giunta e del consiglio di questi ultimi anni è stato determinato unicamente da una persona che ha come unico obiettivo quello di raccogliere il potere sulla propria persona. Aveva provato anche a candidarsi a sindaco provando a mettere più forze insieme, così come testimoniato dall’ormai famigerato patto del “Baffone”. Ha avuto il coraggio di dire – ha proseguito la Limardo – che a Vibo gli intellettuali sono spariti. Gli intellettuali a Vibo se ne sono andati ed è rimasto solo lui?”. Attacchi anche verso il M5S, reo, secondo la Limardo, “di aver messo in campo un grande bluff nei confronti degli elettori”, attaccando i pentastellati sulla questione del ridimensionamento della Prefettura dopo l’avvenuta nomina a Prefetto di Vibo, del numero dell’UTG di Catanzaro, la D.ssa Ferrandino. Infine, le potenzialità del programma e una raccomandazione ai propri candidati: “Andate nelle case, cercate il voto, presidiatelo fino all’ultimo giorno“. Sul programma: “Sappiamo come intervenire sul dissesto e lo faremo, risolveremo il problema. Puntiamo, per esempio, oltre ad una riorganizzazione della macchina burocratica, ed ad un immediato miglioramento del decoro urbano, ad un’idea di armonizzazione dei tempi e degli orari della città per rendere la città più accogliente innalzando così la qualità della vita dei suoi cittadini“.

Francesco Iannello