“Colpo di scena”, il nuovo spettacolo di Carlo Buccirosso per la rassegna ‘Vacantiandu’

Catanzaro – Al Teatro Comunale di Catanzaro ‘Colpo di scena’, il nuovo spettacolo scritto diretto e interpretato da Carlo Buccirosso e inserito nel cartellone della rassegna teatrale ‘Vacantiandu’ con la direzione artistica di Diego Ruiz, Nico Morelli e la direzione amministrativa di Walter Vasta.
Un thriller dalle tinte noir con un mistero che aleggia vago riservando un finale inaspettato che spiazza un po’ lo spettatore. Criminalità, senso della giustizia, certezza della pena, tutela per chi subisce violenze e soprusi sono i cardini attorno a cui ruota lo spettacolo. Il noto attore partenopeo questa volta veste i panni di un integerrimo vice questore di provincia, Eduardo Piscitelli, con l’ambizione di garantire la sicurezza dei cittadini ripulendo il mondo dai delinquenti.
Ad aiutarlo in questa missione quotidiana ci sono l’ispettore Murolo, i giovani agenti rampanti Varriale, Di Nardo e Farina e la rassicurante sovrintendente Signorelli. Tutti a dare la caccia al feroce Michele Donnarumma che darà filo da torcere al povero vice questore facendo vacillare tutte le sue certezze. Piscitelli cercherà conforto tra gli affetti familiari nella sua baita di montagna dove ad attenderlo ci sono il padre Marcello, ex colonnello dell’esercito affetto da Alzheimer, Gina la sua bisbetica badante rumena, la suadente dottoressa Cuccurullo e… un imprevedibile “colpo di scena” finale!
Nato dalla felice penna di Buccirosso, lo spettacolo prosegue con successo un filone drammaturgico più maturo con storie molto strutturate in cui si intrecciano sapientemente il registro comico e quello drammatico, personaggi a tutto tondo, tematiche sociali importanti attinte dalla vita reale ma sempre proposte con intelligente ironia.
Un teatro “popolare”, il suo, che sa parlare al cuore del pubblico.
In scena, insieme a Carlo Buccirosso, un cast di attori eccellenti Gino Monteleone, Gennaro Silvestro, Peppe Miale, Monica Assante di Tatisso, Elvira Zingone, Roberta Gesuè, Giordano Bassetti, Fiorella Zullo e Matteo Tugnoli.