Calcio, Serie C: la Vibonese stecca. Solo 0-0 con la Paganese

VIBONESE 0

PAGANESE 0

Vibonese (4-3-1-2): Zaccagno 6, Finizio 6, Camilleri 6, Malberti 5,5, Tito 6; Prezioso 5,5 (23’ st Collodel 5,5), Obodo 6,5 Scaccabarozzi 6,5; Melillo 5 (23’ st Taurino 5,5); Allegretti 5,5, Bubas 6. In panchina: Mengoni, Ranchino, Cani, Ciotti, Donnarumma, Filogamo, D’Agostino, Maciucca, La Ragione, Buonocore. Allenatore: Orlandi.

Paganese (3-4-1-2): Santopadre 7, Piana 6,5, Stendardo 6,5, Dellafiore 6,5; Tazza 6 (40’ st Carotenuto sv), Capece 7, Gaeta 6,5, Perri  6(25’ st Della Corte 6); Scarpa 6 (25’ st Fornito 6); Cesaretti 6,5 (40’ st Alberti sv), Parigi 6 (30’ st Di Renzo sv). In panchina: Galli, Nacci, Sapone, Navas, Carotenuto, della Morte, Diop, Gifford. Erra

Arbitro: Fontana di Siena (Assistenti: Belsanti e Dentico di Bari).

Note: giornata di sole, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 900, incasso 4650. Ammoniti: Camilleri (V), Malberti (V), Stendardo (P), Piana (P), Gaeta (P). Recupero 1’ pt, 4’st.  Angoli: 4-3.

Lo aveva detto alla vigilia mister Orlandi: “Non bisogna sottovalutare la Paganese, la dobbiamo affrontare come se fosse la prima in classifica”. La Vibonese sbatte contro il muro campano e non va oltre un pari a reti bianche al “Luigi Razza” contro la compagine allenata da mister Erra, vecchia conoscenza del calcio calabrese. Obodo e compagni giocano una partita al piccolo trotto, tranne qualche folata nel primo tempo. Per il resto, è una partita da sonnifero con la Vibonese incapace di trovare il guizzo giusto di fronte ad una Paganese quadrata e ben messa in campo. Spreca così la prima di sei chance la squadra di Orlandi per conquistare il sogno play off. Ora servirà vincere domenica prossima sul campo del Siracusa.

Bubas prova a superare in area di rigore Dellafiore

LA SINTESI DEL MATCH

15 PT –  passaggio filtrante di Finizio per Allegretti dal vertice destro dell’area di rigore tiro che si spegne sul fondo.

25 PT – contropiede della Vibonese con Bubas che entra in area, dribbla la difesa, ma il suo il tiro potente finisce alto sopra la traversa.

27 PT – bella azione corale della Paganese, passaggio per Capece che tira alto dal limite dell’area di rigore  della Vibonese.

44 PT – Passaggio di Allegretti per Bubas che dai 20 metri fa partire un gran tiro diretto all’incrocio dei pali. Santopadre vola e con la mano di ritorno smanaccia in angolo.

 

13 ST – Azione corale della Vibonese:arriva il pallone a Scaccabarozzi che tira dal limite. Santopadre para a terra.

15 ST –  tiro dal limite basso di destra dell’area di rigore di Finizio. Para a terra Santopadre.

36 ST – Di Renzo tira dal limite dell’area di rigore. Tiro forte e centrale, para a terra Zaccagno.

40 ST – Piana devia il tiro di Tito che non preoccupa Santopadre che para in due tempi.

 

LE PAGELLE

Zaccagno 6: praticamente inoperoso. Mai chiamato in causa;

Finizio 6: buona gamba, buona propensione sulla fascia destra;

Camilleri 6: deve badare a Cesaretti non senza difficoltà, ma alla fine se la cava;

Malberti 5,5: non la sua miglior prestazione. Poco lucido anche in disimpegno;

Tito 6: prestazione diligente. Nel finale un suo tiro sporco è l’occasione più nitida della Vibonese;

Prezioso 5,5: parte bene, poi però si spegne senza incidere;

Collodel 5,5: entra al posto di Prezioso per dare corsa e dinamismo in mezzo al campo. Bravo più ad interdire che a proporsi in avanti;

Obodo 6,5: diga in mezzo al campo, prestazione ordinata e senza sbavature;

Scaccabarozzi 6,5: nel primo tempo è uno stantuffo instancabile, poi cala alla distanza;

Melillo 5: non riesce mai ad entrare in partita;

Taurino 5,5: ci mette solo buona volontà, ma per il resto è molto impreciso;

Allegretti 5,5: vorrebbe spaccare il mondo, prova a fare movimento su tutto il fronte d’attacco, ma senza incidere;

Bubas 6: è il più pericoloso dei suoi. Il suo tiro nel finale di primo tempo avrebbe meritato maggiore fortuna. Per il resto però è troppo egoista.

 

SALA STAMPA

Nevio Orlandi (allenatore Vibonese): “Nella fase conclusiva siamo poco concreti e non siamo riusciti a sfruttare le situazioni favorevoli che abbiamo creato nel primo tempo. La Paganese è una squadra molto fisica, si è chiusa molto bene e non era facile trovare spazio sulla profondità. Al di là di Bubas in avanti, che pure svaria molte, ho solo mezze punte ed è complicato mettere una mezza punta a fare l’attaccante. È contro natura. Questi siamo e con questi dobbiamo andare avanti”.

Francesco Iannello