Calabria, rigettato ricorso Regione: via libera alle trivellazioni nel mar Ionio

Catanzaro – Con grande tempestività rispetto al dibattito di queste ore a livello nazionale, il Consiglio di Stato ha dato torto alla Regione Calabria e ha rigettato la richiesta di bloccare le trivellazioni nel mar Ionio.
Il tutto arriva nel momento in cui a Roma si registrano posizioni opposte sulle autorizzazioni del Mise guidato da Luigi Di Maio, per nuove trivellazioni alla ricerca di petrolio nel mar Ionio, che vede contrario il ministro dell’ambiente, Sergio Costa.
La Regione Calabria, dunque, perde la battaglia legale avviata dal presidente Oliverio, sulla scia anche delle costanti proteste delle associazioni “No Triv”, che si era opposto al rilascio delle autorizzazioni, nel dicembre 2016, sempre da parte del ministero dello Sviluppo economico, per la ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi al largo delle coste del Mar Ionio, tra le province di Crotone e di Cosenza.
La Regione oltre a vedersi rigettato il ricorso è stata pure condannata al pagamento delle spese di giudizio.