Azienda sanitaria unica, Cotticelli: “La legge è un suicidio per Lamezia”

Lamezia Terme – Nemmeno il tempo di salutare con soddisfazione l’approvazione del progetto di legge regionale per la nascita dell’azienda ospedaliero-universitaria di Catanzaro che, ecco, arrivare la prima doccia fredda.
Le parole del Commissario al piano di rientro sanitario, Saverio Cotticelli sono inequivocabili e, di sicuro, foriere di nuove e più roventi polemiche.
“È sotto gli occhi di tutti – ha detto Cotticelli a ‘Gazzetta del Sud’ – che l’inserimento dell’ospedale di Lamezia Terme nell’Azienda unica va a complicare le cose. L’integrazione doveva riguardare solo Pugliese-Ciaccio e Mater Domini”.
Cotticelli, anche per prevenire possibili obiezioni rispetto a questa sua posizione, precisa poi che in Commissione sanità del Consiglio regionale, in occasione della sua audizione, “non si è parlato di Lamezia”.
Certo, a ben vedere però, il Commissario queste perplessità avrebbe potuto manifestarle prima che la legge vedesse la luce, consapevole e cosciente del fatto che le due diverse proposte di legge presentate a Palazzo Campanella avrebbero avuto un percorso comune e unificato, e che, nel testo, si parlava chiaramente anche dell’ospedale lametino.
Nello specifico, sempre secondo quanto dichiara Cotticelli, non è da escludere che il Governo nazionale possa impugnare la legge che definisce senza mezzi termini un “papocchio” perchè fondata sulla commistione tra enti di natura diversa: due aziende ospedaliere e un ospedale spoke (quello di Lamezia posto a circa 40 chilometri di distanza).
Sul Giovanni Paolo II’, inoltre, il Commissario è ancora più chiaro e categorico: “La legge approvata dall’Aula sarebbe un suicidio per Lamezia”.
Punti di vista concomitanti (è un caso?) con quelli avanzati nelle scorse ora da esponenti di primo piano sul territorio dei Cinquestelle.
Chissà se Cotticelli, mandato in Calabria dal ministro della Salute Giulia Grillo, ha già avuto modo di sondare il terreno romano e capire quali saranno le prossime mosse del governo?