Avv. Favero precisa: “Gianluigi Lentini non ha mai ricevuto richiesta nè pagato il pizzo”

Lamezia Terme – Riceviamo e pubblichiamo:
“Egregio Direttore,
Ricevo mandato dal sig. Gianluigi Lentini nonché dal Sig. Giovanni Pisano, legale rappresentante p.t. del ristorante pizzeria Tap-in di Pisano Giovanni & C. sito in Carmagnola (TO), di dare riscontro ad una serie di articoli apparsi in data odierna, sia sul web che sulla carta stampata, i quali riportavano le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia per il quale l’ex calciatore Gianluigi Lentini avrebbe pagato il “pizzo” alla ‘ndrangheta per tenere aperto il suo ristorante “Lentini’s Home” di Carmagnola.
In ordine a tale notizia La prego di pubblicare la presente precisazione, atteso l’inestimabile danno di immagine e di tutti gli altri danni che i predetti articoli, così come confezionati, comportano ai miei assistiti, anche in considerazione della notorietà dell’ex calciatore.
Il Sig. Gianluigi Lentini non è titolare del ristorante-pizzeria “Lentini’s Home”, in quanto tale denominazione è utilizzata esclusivamente al fine di identificare l’intero immobile di sua proprietà, all’interno del quale vengono svolte alcune attività commerciali, tra le quali quella della pizzeria Tap-in di Pisano Giovanni & C., il quale gestisce in via esclusiva ed autonoma tale attività.
Sia il Sig. Lentini che il Sig. Pisano contestano recisamente quanto dichiarato dal collaboratore di giustizia, in quanto agli stessi non è mai stato richiesto alcun pagamento di “pizzo”, così come non hanno mai provveduto ad effettuare alcun pagamento di sorta.
Con riserva di attivare ogni opportuna iniziativa a tutela del buon nome e della reputazione dei miei assistiti, si porgono cordiali saluti”.

Avv. Adriano Favero