A Scilla una delle Conferenze del ciclo Sbe 2019 per la sostenibilità dell’ambiente costruito

Catanzaro – La Regione Calabria ospiterà, dal 16 al 17 maggio 2019, una delle Conferenze del ciclo SBE (Sustainable Built Environment).
Il ciclo SBE 2018-2020 prevede 15 conferenze nazionali a Taiwan, Eindhoven, Valletta, Weimar, Helsinki, Praga, Milano, Graz, Cardiff, Temuco (Cile), Salonicco, Tokio, Sydney, Istambul e Scilla; una conferenza Mondiale in Svezia a Gothenburg nel 2020.
Il focus della Conferenza SBE19 Scilla sarà incentrato su politiche, programmi e piani d’azione mirati a migliorare la sostenibilità dell’ambiente costruito. Durante il dibattito saranno affrontati temi di grande interesse: l’integrazione dei sistemi di valutazione nelle politiche e nei processi decisionali delle autorità pubbliche; l’uso di sistemi di valutazione negli appalti pubblici, nei programmi di finanziamento, nei regolamenti, nei piani urbanistici e nelle politiche basate sugli incentivi; le strategie per l’armonizzazione dei sistemi di valutazione pubblica a livello di edifici, ambito urbano e ambito territoriale.
La conferenza di Scilla sarà incentrata su politiche, programmi e piani d’azione mirati a migliorare la sostenibilità dell’ambiente costruito in coerenza con gli ambiti applicativi prioritari individuati nella S3 (Smart Specialization Strategy) della Calabria e le traiettorie tecnologiche dell’Area di Innovazione Edilizia Sostenibile.
Il fatto che la conferenza si tenga in Calabria è un importante riconoscimento del lavoro svolto dalla Regione, in particolare dall’Assessorato e dal Dipartimento alle Infrastrutture, che da più di 3 anni hanno avviato, fra i primi n Italia, un articolato Programma di Edilizia Sostenibile.
Il Programma ha introdotto l’obbligo della certificazione di sostenibilità ambientale per tutti gli edifici pubblici o finanziati con fondi pubblici, imprimendo una forte accelerazione al processo di evoluzione del settore delle costruzioni calabrese in direzione di una maggiore sostenibilità e ponendo la Calabria nelle condizioni di diventare una buona pratica a livello nazionale.