Lamezia, a Trame.7 presentato il libro “La democrazia mafiosa” di Claudio Cavaliere

Lamezia Terme – «Un ossimoro, genesi dei comuni sciolti», così Vincenzo Luberto ha definito la “democrazia mafiosa”, nell’introduzione al libro di Claudio Cavaliere, “La democrazia mafiosa. Mafia e democrazia nell’Italia dei comuni“, presentato a Trame Festival assieme a Clara Trapuzzano Molinaro. Ha coordinato Bruno Gemelli (Il Quotidiano del Sud).
«Un libro», definito dal giornalista Romano Pitaro, «non confezionato da sentenze giudiziarie, non un prodotto di copia e incolla», ma una ricostruzione storica dei comuni dal 1945 al 1991, anno in cui entrò in vigore la legge sullo scioglimento degli enti amministrativi per mafia. «Inoltre», continua Pitaro, «la lotta alla mafia nei comuni deve essere tempestiva, se vi è un sospetto».
«Un cittadino su quattro in Calabria, ha subìto sulla sua pelle lo scioglimento del comune», afferma Cavaliere, che cerca di chiarire nel suo libro in che modo, fin dalla nascita dei comuni italiani, la mafia abbia condizionato lo sviluppo delle istituzioni.

pubblicoClaudio2

Democraziamafiosa

pubblicoClaudio

24 giugno 2017