Lamezia Terme – Un 30enne di nazionalità somala è stato arrestato per rapina, in flagranza di reato dalla Polizia insieme ad una pattuglia dei Carabinieri.
Il fatto è accaduto nei pressi della stazione di Lamezia Terme centrale a Sant’Eufemia, intorno alle tre di notte: una donna è stata aggredita e derubata da un cittadino extracomunitario che, dopo aver attratto in un’area appartata la vittima, l’ha malmenata e ha messo a segno la rapina, dandosi poi alla fuga. Subito dopo, la donna ha raggiunto una cabina telefonica e ha chiesto soccorso alle Forze dell’Ordine.
Una volta avvisate dalla centrale operativa, le pattuglie in zona sono arrivate sul posto e, dopo aver raccolto le prime informazioni e aver chiamato il 118 per prestare le cure alla donna, Polizia e Carabinieri hanno avviato le ricerche e sono riusciti in pochissimo ad individuare l’uomo, bloccando la sua fuga.
Dopo averlo perquisito, le forze dell’ordine gli hanno trovato addosso due telefoni cellulari e due banconote da cinque euro, oggetto della rapina.
Il ladro, identificato per A. A. A., 30enne di nazionalità somala, con precedenti, è stato dichiarato in arresto per rapina in flagranza di reato e, su disposizione del P.M. di turno di Lamezia Terme, condotto nella camera di sicurezza della Compagnia dei Carabinieri di Lamezia Terme. Nel rito per direttissima, tenutosi oggi pomeriggio, il Giudice ha convalidato l’arresto ed ordinato la traduzione nella Casa Circondariale di Siano, in attesa del giudizio.

11 luglio 2017