Lamezia Terme – Rosella Postorino con ‘Le assaggiatrici’ (Feltrinelli) ha stravinto il Premio Campiello 2018. La giuria popolare composta da 300 Lettori anonimi, di cui sono arrivati 278 voti, ha premiato con 167 voti al Gran Teatro La Fenice di Venezia. (Nella foto durante la premiazione)
«Sono felicissima- ha detto la scrittrice ed editor quarantenne originaria di Reggio Calabria, cresciuta in Liguria, che vive a Roma da 17 anni-. Voglio ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicino mentre scrivevo questo libro. Grazie al campiello che mi ha fatto fare un’esperienza bellissima, Rivediamoci».
Liberamente ispirato alla storia vera di Margot Wolk, che a 96 anni aveva raccontato di essere stata assaggiatrice di Hitler nella caserma di Karusendorf, il romanzo della Postorino, il cui tema è stato al centro di un botta e risposta con un giornalista, nella conferenza stampa a Palazzo Correr, ci mette difronte a un aspetto poco conosciuto e approfondito del nazismo, ma soprattutto ci fa riflettere su fino a che punto sia lecito spingersi per sopravvivere e sull’ambiguità delle pulsioni umane.

16 settembre 2018