Casali del Manco (Cs), arrestato commerciante trovato con oltre mezzo kg di cocaina e proiettili in casa

Cosenza – I carabinieri della Stazione di Pedace, guidati dal Comandante, Luogotenente Riccardo Lupinacci, e coadiuvati da un’unità cinofila dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria di Vibo Valentia, hanno sottoposto a controllo A.S., 40enne, commerciante porta a porta di bombole di gas di Trenta, località del neo costituito Comune di Casali del Manco. Nello specifico, i militari effettuavano dapprima una perquisizione presso il magazzino utilizzato dall’uomo quale deposito di bombole di gas, quindi si recavano presso la sua abitazione, sita in località Casole Bruzio. Ed è proprio qui che i Carabinieri hanno avuto la conferma della fondatezza dei loro sospetti. Infatti, mentre il 40enne non aveva mostrato il minimo segnale di agitazione nel corso della perquisizione presso i locali destinati a magazzino, giunto presso la propria residenza accompagnato dai militari, mutava radicalmente il proprio atteggiamento palesando con i gesti e le parole il proprio nervosismo.

foto03-2-500x375

Prima ancora di avviare la perquisizione con l’ausilio di Akim, il cane antidroga, l’uomo consegnava spontaneamente ai militari una busta di cellophane contenente un panetto di sostanza stupefacente del tipo hashish di circa 80 grammi, nella speranza di sottrarsi ad ulteriori approfondimenti. Nonostante ciò, gli operanti decidevano di procedere ad una meticolosa perquisizione di tutti gli ambienti.
Nel corso dell’atto, il fiuto del pastore tedesco conduceva i Carabinieri in diversi punti dell’abitazione ove venivano rinvenuti numerosi oggetti utili al confezionamento, sui quali si individuavano non esclusivamente tracce di hashish, ma anche di cocaina, a dimostrazione del fatto che il 40enne potesse celare altra sostanza stupefacente. Effettivamente, dopo un’accurata perquisizione della camera da letto dell’uomo, abilmente occultata nel doppio fondo di un armadio guardaroba a muro, ecco venire alla luce la vera sorpresa: oltre mezzo chilogrammo di cocaina, accuratamente confezionato sottovuoto, ed a fianco una scatola da scarpe contenente denaro contante per alcune decine di migliaia di euro.
Proseguendo nelle operazioni è stata poi rinvenuta, celata nel cassetto di un mobile ubicato nel piano seminterrato della palazzina, una cartuccera con 35 colpi cal. 7,62 traccianti, utilizzabili per diverse tipologie di armi da guerra come AK-47 Kalashnikov e MG 42/59.
I primi accertamenti, qualitativi e quantitativi, su quanto rinvenuto non hanno dato adito a dubbi, per cui le operazioni si concludevano con il sequestro di 556 grammi di cocaina purissima che, adeguatamente tagliata e venduta al dettaglio, avrebbe fruttato al 40enne un incasso di circa 75.000 euro; 78 grammi di hashish; 44.550 euro in banconote da 100, 50 e 20 euro, probabile provento della pregressa attività di spaccio degli stupefacenti; materiale impregnato di entrambe le tipologie di sostanza ed utilizzato per il confezionamento in dosi, tra cui un bilancino, una macchinetta per il confezionamento sottovuoto, diverse posate da cucina, buste e cartine; 35 munizioni da guerra cal. 7,62.
Completate le formalità, d’intesa con il PM della Procura della Repubblica di Cosenza, l’uomo veniva tratto in arresto e tradotto presso l’istituto penitenziario del capoluogo bruzio, in attesa della convalida.

foto02-2-500x333

16 aprile 2018